Un nuovo libro sugli “alieni” che costruirono le Piramidi? Un altro libro che “dimostra” come la grande piramide di Cheope sia un enorme “accumulatore” di energia? Un testo che prova l’esistenza di “giganti” che costruirono il complesso di Giza? Se siete attratti da simili tematiche, questo non è il libro che fa per voi.

Gli autori, Antonio de’Flumeri, Gianluca Montuschi e Andrea Tavecchia accompagnano il lettore, anche il più inesperto, lungo un viaggio alla scoperta di uno dei più affascinanti enigmi della storia umana: la costruzione delle Piramidi sulla piana di Giza, e lo fanno con un’ammirevole sobrietà argomentativa, senza mai nemmeno sfiorare le numerose “teorie alternative” legate alla cosiddetta paleoastronautica.

Su quali evidenze si basa l’attribuzione delle Piramidi a Cheope, Chefren e Micerino? Per quale motivo si sostiene che la “camera della Regina”, all’interno della Grande Piramide, sia rimasta incompleta e abbandonata per errore dei costruttori? Come fu possibile costruire quella “tomba” in soli 20 anni? Come fu possibile tagliare, movimentare e innalzare monoliti che pesano fino a 70 tonnellate?  Quale era la funzione dei canali di “aerazione”? Come risponde l’egittologia ufficiale a queste e a innumerevoli altre domande?

Gli autori espongono in maniera puntuale e precisa quella che è la posizione ufficialmente sposata dall’accademia e ne mostrano tutti i limiti e le incongruenze. Un’analisi tecnica ma anche storica che non manca di veri e propri “colpi di scena” e rivelazioni ben documentate che lasceranno il lettore, anche il più esperto, incredulo e disorientato davanti alla fragilità di certe tesi che sono sempre state presentate e insegnate come “granitiche” certezze.

Calcoli precisi, e grafici esplicativi, ci conducono in un viaggio attraverso le dinastie egizie, dalla III alla VI, mostrando in maniera disarmante quello che è sempre stato sotto gli occhi di tutti: l’anomalia della IV Dinastia e le ancor più “anomale” spiegazioni offerte dall’egittologia ufficiale.

Un libro che affronta, con un originale approccio, la problematica costruttiva, che presenta un’accurata indagine condotta attraverso la consultazione di documenti manoscritti archiviati presso i più importanti musei. Un libro scritto con una logica stringente e una impressionante forza argomentativa, un libro dove non troverete “facili” risposte ma solo “scomode” domande, domande che vi accompagneranno anche dopo la lettura dell’ultima pagina. Un libro che, senza aprirla, vi condurrà… “oltre la seconda porta”.

sito internet degli autori

Francesco Arduini